2019 Monaco E-Prix: Vergne è il primo che il bis e balza in testa al mondiale, primo podio per Massa


PHOTO GALLERY

Jean-Eric Vergne è diventato il primo pilota capace di vincere due gare nella Formula E 2018/2019, conquistando il gradino più alto del podio nell'E-Prix di Monaco dopo aver preso il via dalla pole position.

Il pilota della DS Techeetah ha resistito al tentativo d'attacco della Mahindra di Pascal Wehrlein al via, con il tedesco è finito largo alla Sainte Devote nelle prime fasi della gara, cedendo così anche la seconda posizione ad Oliver Rowland e la terza a Felipe Massa.

Il britannico della Nissan e.dams, scattato terzo dopo aver centrato la pole position ma scontato una penalità per un incidente avvenuto a Parigi, ha provato a contrastare fino alla fine il campione in carica, sferrando un attacco al tornante del porto al penultimo giro.

JEV però è stato bravo a chiudere ogni varco e così si è assicurato la sua seconda affermazione stagionale per appena 201 millesimi. Un successo importante per il pilota transalpino, che in questo modo si porta in vetta alla classifica con 5 punti di vantaggio sul compagno di squadra Andre Lotterer, oggi nono in rimonta dopo aver preso il via dal fondo del gruppo.

Nel finale è stata molto accesa anche la battaglia per il gradino più basso del podio, con Massa che ha chiuso ogni varco possibile a Wehrlein. Il brasiliano ha spremuto tutto dalla sua Venturi, al punto che è arrivato al traguardo con lo 0% di batteria. Alla fine, infatti, ha preceduto il rivale della Mahindra per appena 178 millesimi. Un gap minimo, che però gli è bastato per firmare il suo primo podio nella serie full electric.

Dopo aver vinto le prime due edizioni della gara monegasca, Sebastien Buemi oggi ha abdicato al trono, accontentandosi del quinto posto finale con la sua Nissan e.dams, davanti alla BMW di Antonio Felix da Costa, che ha approfittato anche dei problemi patiti dal compagno di squadra Alexander Sims verso metà gara.

Il portoghese ha anche tentato un attacco ai danni di Buemi, ma poi si è accontentato del sesto posto. Tuttavia, questo potrebbe anche non essere il suo piazzamento definitivo, visto che è finito sotto investigazione per un presunto utilizzo di più energia del consentito.

Buona la rimonta di Mitch Evans, che dopo aver visto sfumare la prima fila per una penalità di 10 posizioni in griglia, è risalito fino al settimo posto con la Jaguar, riuscendo ad infilare la Virgin di Sam Bird al penultimo giro. Quest'ultimo è stato particolarmente sfortunato, perché ha chiuso poi 17esimo, incappando in una foratura.

Tra i piloti sotto investigazione c'è anche Daniel Abt, ottavo con l'Audi, ma indagato per un contatto con la NIO di Oliver Turvey. Alle sue spalle, come già detto, c'è un Lotterer autore di una bella rimonta dal 20esimo posto in griglia.

Sabato da dimenticare per la Virgin, che nel finale ha perso anche l'ex leader Robin Frijns, costretto al ritiro ad un paio di tornare dal termine dopo un contatto con Sims alla Sainte Devote. Così come è stata costretta ad alzare bandiera bianca l'Audi di Lucas di Grassi, anche lui rimasto coinvolto in un contatto con Sims, ma al tornante del porto.

A completare la top 10 c'è poi la Jaguar di Alex Lynn, nonostante il britannico abbia perso la copertura della gomma anteriore destra della sua vettura poco dopo la metà della corsa.

Alberto Marinelli

Sono nato a Modena, città di Motori e di Pallavolo, il 24 Gennaio del 1994. Fin da piccolo, in famiglia, abbiamo avuto la passione per queste due cose, coltivandole attraverso gli eventi in televisione e dal vivo, tra il palazzetto e l'aria aperta degli autodromi.

Iscriviti al feed
Post Recenti:

Alberto Marinelli - Volleyball and Racing photos

Vedere i più importanti eventi sportivi, attraverso la mia lente, il mio occhio e la mia mente sempre dando il meglio di me nelle mie capacità.

© 2017 by Netmind Social Agency